Seleziona una pagina

Presidente: Faggiano Luca
Telefono: 327-4983323
Fax:
E-mail: prolococontrada@libero.it
Sito internet: contradaproloco.wordpress.com
Indirizzo: Via Nazionale

La Pro Loco di Contrada, costituitasi con atto notarile nel 1979, prese avvio dall’input di un gruppo di giovani contradesi già arricchiti da varie esperienze associative a cavallo degli anni ’60 e ’70, desiderosi di creare un punto di riferimento formalmente stabile per la crescita culturale e sociale della nostra comunità.

Il primo c.d.a. nominò presidente Mario Perrotti, rimasto in carica per svariati mandati, oggi responsabile del servizio civile nazionale nonché presidente dell’UNPLI Regionale della Campania.

L’associazione è intestata ad Armando Vegliante, prematuramente scomparso nel 1998, già socio della Pro Loco fin dalla sua fondazione essendone un suo ardente promotore. Animatore culturale di svariate attività, Vegliante ha sempre operato nel sociale spendendo le proprie energie affinché, soprattutto i giovani, fossero i veri protagonisti: Nel campo teatrale (Circolo “Nuova dimensione”, attivo negli anni ’60 e ’70, “Gruppo Dimensione Uomo”, che ha operato fino a metà degli anni ’90), in quello culturale (attivatore del premio Letterario Nazionale di poesia “Faliesi” e del premio Letterario “Castello a carattere locale), promotore di iniziative editoriali a carattere locale e intercomunale (si pensi al quindicinale “Provincia” che arrivò a coinvolgere autori dei comuni di Contrada, Forino, Montoro, Serino, Monteforte). Vegliante aveva poi interessi in svariati campi dell’arte – poeta, scrittore di testi teatrali, scultore, restauratore – ostinatamente legato al proprio territorio ed ai giovani con i quali condivideva e inculcava l’amore per il teatro e la recitazione diveniva un pretesto di confronto dialettico su questioni politiche, culturali, lavorative, riuscendo a canalizzare molte aspettative di quanti si affacciavano al mondo adulto. In particolare con il Gruppo Dimensione Uomo molti giovani, non solo di Contrada, ma provenienti da svariate realtà sociali della provincia, hanno condiviso con Vegliante un percorso di formazione culturale che, come già accennato, è andato al di là delle pur impegnative performance teatrali.